About [Claudia Ciardi]

«lurch away in the moonshiny gorge of Patself on the Bach. Adyoe. […] Rain. When we sleep. Drops. But wait until our sleeping. Drain. Sdops»

«allontanandosi barcollando nella gola illuminata dalla luna di Patself sul Bach. Adyo! […] Piova, quando dormiamo. Gocce. Ma aspettate finché ci addormentiamo. Spiova. Agoce».

Da James Joyce, chiusa del c. 3 di Finnegans Wake, traduzione di Luigi Schenoni, introduzione di Giorgio Melchiori, Mondadori, 1993
[Il passo è analizzato nel mio saggio Fabula fluit. Corpi letterari e geografie fluviali, gennaio 2014].

Questo spazio è in parte pensato come aggregatore dei materiali diffusi nel web riguardanti i miei progetti di scrittura e ricerca. Perciò ho studiato una serie di rimandi ai contenuti del mio blog «Margini in/versi», che risulta qui largamente presente, alle pubblicazioni da me curate (si veda la sezione “libri” all’interno di questo sito), e ad alcune tra le principali attività finora svolte.

Nel dicembre del 2010 decido di sfruttare le potenzialità di facebook inaugurando la pagina Caffè d’Europa, in cui inizio a condividere note e collegamenti, orientati soprattutto ai miei interessi: letteratura tedesca, in particolare autori berlinesi, storia contemporanea, narrazioni della metropoli. Il caffè si configura fin da subito come un contenitore versatile e allo stesso tempo ben riconoscibile, legato alla presentazione di questi argomenti.

Intanto, con il procedere del mio lavoro editoriale, accumulo nuove esperienze e dunque sempre maggiori spunti di scrittura. Nasce così l’idea di un blog nel quale raccogliere una parte rilevante del mio percorso. «Margini in/versi» svolge questa funzione dall’aprile 2012, dialogando strettamente con la sua pagina omologa su facebook.

———->>>>>>>>>> Pagina fan di fb @margininversi

Il fu Caffè d’Europa: dall’ottobre 2016, per migliorare l’interazione tra blog e social, ho ritenuto opportuno ribattezzare la pagina fan col nome del mio spazio web, in modo che per il pubblico fosse più semplice associare i due contenitori. Non nascondo una scia di polemica politica. Resto un’europeista abbastanza convinta ma anche ben cosciente che l’Europa troppo spesso negli ultimi anni abbia dato il peggio di sé in materia d’integrazione, diritti umani, soluzione della crisi occupazionale, serie e democratiche opportunità formative, mobilità studentesca, e del cittadino europeo in generale, condizione che resta ancora troppo vincolata a situazioni familiari mediamente agiate e non a effettivi criteri meritori capaci di innescare finanziamenti diretti e opportunità durevoli.

Claudia Ciardi – Omaggio a Hofmannsthal,
L’ignoto che appare;
La letteratura come spazio
spirituale della nazione

Chi ne parla:


«Chronica Libri» per Via del Vento edizioni

Grottesca su «Mumble»

Incontro con Klaus Wagenbach

Le recensioni di «Mangialibri»

Paolo Morawski («Limes») parla di Via del Vento edizioni

Su «Monteverdelegge» Georg Heym e la poesia della metropoli

Georg Heym, Dopo la battaglia, nella vetrina di «Sagarana»

Su «Vivisaar» l’intervista di Elisa Cutullé
E sempre a cura di Elisa Cutullé una mia riflessione su arte e poesia nel numero 5-6 (anno XVII) di «Helios Mag» (2012)

Valeria Nisticò («InfoOggi.it») per Walter Benjamin e Georg Heym

Il blog «Feistyfo – Buch & Hörbuch» ripropone la lettura di «Altreconomia», n. 179, 2016 (Cura l’arte. Perché, più dei furti, è il silenzio la vera minaccia al patrimonio culturale) e rimanda allo spazio di «Margini in/versi» (luglio 2020).

Su «Donne e Conoscenza Storica» Donatella Massara parla degli inediti di Else Jerusalem contenuti nel volumetto “Liberazione”

«Modulazioni temporali» di Marianna Zito recensisce “Questo più umano amore”

In evidenza su «Carteggi letterari» i miei volumetti di poesia